Jason Segel ha interpretato dal 2005 fino al 2014 Marshall Eriksen uno dei personaggi più amati della fortunata serie How i met your mother. Gigante gentile del Minnesota, avvocato ambientalista, marito premuroso e amico insostituibile, tutto questo è Marshall. Nel 37esimo compleanno dell’attore di Los Angeles lo festeggiamo con una lista delle 10 lezioni di vita che abbiamo imparato da Marshall in Nove stagioni:

1 ) I grafici aiutano a spiegare tutto

Cosa c’è di meglio di un grafico per poter spiegare il mondo che ci circonda? Marshall lo ha capito bene, tanto che la quarta puntata della quarta stagione (Interventi) per ogni situazione tirava fuori ogni sorta di grafico. Nel momento in cui esagera presentando al gruppo un grafico a barre con le sue torte preferite, Ted, Robin, Barney e Lily sono costretti ad intervenire per farlo smettere creandogli non pochi problemi sul lavoro.

2) Niente è più bello della tua città natale

Marshall non ha mai nascosto le sue origini del Minnesota, in particolare della piccola cittadina di St. Cloud. Tifoso sfegatato della squadra locale i Minnesota Vikings, porta sempre con sé la semplicità e il ricordo di quanto genuina sia la sua casa. Ha sempre vantato la bellezza della sua terra e la voglia di tornare nella sua città per crescere i suoi figli, non avendo dimenticato come sia stato bella e spensierata la sua infanzia, anche se questo creerà una forte discussione tra lui e Lily.

3 ) La competizione aiuta a fortificarti

La competizione aiuta ad affrontare la vita e le sfide di ogni giorno. Marshall questo lo ha imparato dal padre Marvin che lo trasformandolo in un accanito sportivo. Qualunque sia la sfida, dallo sport ai giochi da tavolo, lui tira fuori tutta la sua competitività per vincere, tanto da diventare cinico ed aggressivo come quando allena a basket gli alunni di Lily. Non esiste un gioco in cui non sia bravo come si scopre nell’episodio: “Il gioco della verità”, ed il suo estro creativo si sprigiona creando un gioco personale il Marsh-Gammon.

4) Una birra è la soluzione ad ogni litigio

Per chiarirsi dopo un’incomprensione la cosa migliore è sedersi su un tavolino con un cocktail e discutere a quattrocchi. Nella puntata “Il cocktail perfetto” dopo una brutta litigata sul lavoro con Barney i due non si parlano più, tanto da bersagliarsi continuamente con numerosi scherzi. L’unico modo per farli tornare amici è usare l’alcol per allentare i loro nervi, ma dopo che il Gin lo trasforma in un rissoso e il Daiquiri in un narcisista, l’unica soluzione per sbloccare i due e farli riappacificare è un bel boccale al Maclaren’s Pub.

5) Non esiste nulla di più comodo di una camicia da notte

L’indumento perfetto per dormire la notte non è il pigiama, ma la camicia da notte. Ne: “Il patto dei single”, dopo essere stato preso in giro da Barney, Marshall spiega come seppur non proprio il massimo dal punto estetico la camicia da notte sia comoda, non ci sia bisogno di portare la biancheria ed indossarla da un senso di libertà talmente grande da sembrare di volare sulla città (scena che omaggia il film Il grande Lebowsky). In più il nonno Olaf la portava ed ha vissuto per ben 107 anni, quale motivo migliore per indossarla allora.

6) Un sorriso ed una gentilezza non si nega mai a nessuno

Da buon cittadino del Minnesota l’educazione, le buone maniere e la gentilezza sono all’ordine del giorno. Marshall sostiene che un sorriso ed una mano non si negano a nessuno. Tutto questo però gli ha portato non pochi problemi, quando per sbaglio ha aiutato un gruppo di ladri a svaligiare una casa e li ha anche dato i soldi per la benzina. Malgrado ciò però la sua gentilezza viene sempre ripagata, dimostrando che non fa male aiutare il prossimo, anche uno sconosciuto appena incontrato.

7) Sempre perseguire il proprio obiettivo

Se hai un obiettivo, non dimenticarlo mai, perseguilo senza mai abbandonare chi e cosa vuoi essere. Marshall fin da piccolo ha avuto sempre un desiderio, quello di diventare un avvocato ambientalista. Durante la sua carriera però si è dovuto piegare lavorando per il suo “diretto avversario” come la Goliath National Bank, ma alla fine riuscirà a lavorare per un famoso studio intento alla lotta per salvare l’ambiente, non dopo aver temuto di perdere questa possibilità a causa del video su internet di BirrErcole nell’episodio “La nuda verità” della settima stagione.

8) Il soprannaturale esiste

Il fascino del soprannaturale è un qualcosa verso il quale ognuno di noi non riesce a rimanerne indifferente. Durante tutta la serie Marshall ha dimostrato sempre una certa attenzione per il soprannaturale credendo sempre con incrollabile fede all’esistenza di animali fantastici ed ufo. È talmente certo dell’esistenza di queste creature da documentarsi nella ricerca del Bigfoot ed avere come animale preferito Nessie, il mostro del lago di Loch Ness.

9) L’accompagnamento musicale fa la differenza

Nulla può caricarti più della giusta colonna sonora. Durante la puntata “La gara” della sesta stagione Marshall sostiene che può spostarsi per tutta New York correndo, basta solo che ad accompagnarlo ci sia la giusta canzone country, ovviamente da lui personalmente composta. Nonostante tutto però questa sua abilità non è sempre apprezzata, come quando decide di mandare video musicali sulla sua vita nella puntata “Gioie da Single” della quinta stagione od anche quando nell’episodio “Allarme guastafeste” della terza stagione viene ripreso da tutti per comporre continuamente delle canzoncine seppur orecchiabili su quello che fa, eppure la sua strana abitudine lo aiuterà e non poco.

10) Ogni cosa è più bella se fatta con la tua metà

Marshall ha avuto la fortuna di conoscere Lily nei suoi anni del college e da quel momento non ha mai smesso di amarla per un secondo. Il loro amore non si è spento nemmeno quando Lily in preda all’ansia di sposarsi scappa a San Francisco per inseguire i suoi sogni da pittrice. Con lei condivide praticamente tutto, dagli eventi più assurdi della giornata (come quando si raccontano cosa hanno mangiato) fino ad usare lo stesso spazzolino. L’amore trionfa sempre su tutto.

Non resta che fare gli auguri a Jason Segel ed al suo inimitabile Marshall, compagno di mille avventure e guru della vita.

Share.

About Author

Lucano fiero di Picerno, vivo a Roma ormai da quando Remo e Romolo l'hanno fondata. Cresciuto a pane e Star Wars, amo il cinema e l'arte in ogni sua forma. Aspettando la mia "botta di culo" intanto leggo ciò che mi capita a tiro, scrivo, disegno con lo pseudonimo di OltreFollia e medito sul detto: "Dai tempo al tempo".

Leave A Reply