Cannes 2017: approda sulla croisette Okja, l’incantevole creatura di Bong Joon Ho

0

Stamani, accompagnato da infinite polemiche, è arrivata la pellicola Okja, ultima fatica del maestro coreano Bong Joon Ho.

Okja è una ”favola moderna” che racconta le avventure di Mija, una bambina tredicenne che vive in una valle circondata dalle montagne e una creatura enorme, simile a un gigantesco e dolce maiale, che cerca di proteggere da una spietata multinazionale che sta tentando di rapirlo.

L’idea di questo lungometraggio è arrivata a Bong Joon Ho nel 2010, quando il regista ha notato uno strano animale sul bordo della strada mentre stava guidando. Lo script del film è stato sviluppato in collaborazione con Jon Ronson, che ha lavorato sui personaggi e il dialogo in inglese, mentre la creazione di Okja è opera di Erik De Boer, noto per aver realizzato la tigre di The Life of Pi del maestro Ang Lee.

Bong Joon Ho nella sua filmografia affronta spesso, con toni graffianti, sarcastici e cupi, temi molto contemporanei e in Okja il regista non manca di criticare il delirio di onnipotenza della grigia natura umana, sempre pronta a ghettizzare la natura e a mercificarla per soddisfare la propria avarizia.

Il film girato tra gli evocativi boschi della Corea del Sud, New York e Canada, riproduce meravigliosamente il contrasto tra un rigoglioso ambiente naturale e la frenetica giungla urbana. Nel cast troviamo la perfida Tilda Swinton, già vista nel ruolo di un primo ministro in Snowpiercer, precedente opera di Ho, insieme ad altri volti noti e talentuosi come Jake Gyllenhaal e Paul Dano.

L’uscita di Okja è prevista solo su Netflix il 28 giugno, di seguito potrete trovare il trailer:

Share.

About Author

Studente e grandissimo appassionato di cinema. Editor presso IlTermopolio e Uni Info News. Sin da bambino s'innamora dell'universo cinematografico e della cultura iberica, ama scrivere, correre, viaggiare e cucinare. Divoratore seriale di libri, album e serie TV. I suoi registi preferiti sono Sergio Leone, Stanley Kubrick, Pablo Larrain e Denis Villeneuve.

Leave A Reply