Dalla Pellicola alla Brace – Fish Fingers and Custard (La ricetta di Doctor Who)

0

“De gustibus non est disputandum”. Se è vero che il valore di questa massima latina è ufficialmente riconosciuto in molti ambiti, per quanto riguarda quello dalla cucina, soprattuto noi italiani, tendiamo ad essere tradizionalisti, storcendo il naso di fronte a strani accoppiamenti alimentari considerati universalmente da evitare. In poche parole, il mondo del riso con la nutella, della pasta alla piastra con insalata, tonno e patatine fritte – e magari anche con un po’ di maionese – o delle mele con lo zucchero, è uno spazio da evitare ufficialmente, dai confini apparentemente invalicabili che però ogni buon fan del Doctor Who dovrebbe almeno una volta provare a superare. Dopo quattro appuntamenti dedicati a film, per la nostra quinta ricetta abbiamo scelto un piatto tratto dalla tanto amata serie targata BBC: i “fish fingers and custard”, ovvero i bastoncini di pesce con crema pasticcera, il piatto preferito della undicesima incarnazione del Dottore.

doctor-who-ricetta

Secondo un’intervista rilasciata da Matt Smith, durante le riprese dell’episodio The Eleventh Hour, l’attore starebbe in realtà mangiando COCONUT BREADED CAKE, e sarebbe stato costretto ad assaggiare dei veri fish fingers with custard durante un episodio di The Graham Norton Show. Noi però, sempre pronti ad esplorare nuovi orizzonti alimentari, abbiamo deciso di sperimentare il piatto così come presentato ufficialmente nella serie. Non vi preoccupate, per venire incontro anche agli stomaci più delicati, ve ne abbiamo proposto anche una versione tutta salata.

Funny
Funny is good

SCHEDA TECNICA

Nome: Fish Finger and Custard
Telefilm: Doctor Who
Tempo di Preparazione: un’ora
Dosi: tre/quattro persone dallo stomaco resistente
Difficoltà: dummies
Ingredienti:

  • una confezione di bastoncini di pesce

Per la versione originale:

  • 500 ml di latte
  • 6 tuorli d’uova
  • una bacca di vaniglia o una scorza di limone
  • 50 gr di amido di mais o riso
  • 130 gr di zucchero

Per la versione salata:

  • maionese
  • mostarda
  • succo di limone
  • aglio tagliuzzato
  • sale
  • un pizzico di pepe

Canzone Raccomandata: D is for Dangerous degli Arctic Monkeys e tutto l’album Favourite Worst Nightmare.

SCHEDA TECNICA

In una casseruola versate i 500 ml di latte e una scorza di limone ( o una bacca di vaniglia). Lasciate che il composto sfiori la ebollizione e spegnete il fuoco.

doctor-who-ricetta-1

Successivamente, separate i sei tuorli dagli albumi e raccogliete i primi in una ciotola abbastanza capiente da contenere anche 140gr di zucchero. Dopo aver ottenuto una crema omogenea, versate l’amido di mais, ricordando di setacciarlo prima di un unirlo al composto.  Continuate a mescolare.

doctor-who-ricetta-2

A questo punto versate l’impasto nel pentolino dove avevate messo a scaldare il latte, avendo la cura di togliere prima la scorza di limone. Aiutandovi con una frusta e accendendo nuovamente il fuoco, continuate a mescolare il tutto, fino a che il composto non si addensi. Quando finalmente la crema avrà raggiunto la giusta consistenza, spegnete il fuoco e ponetela in una ciotola abbastanza ampia e lasciatela raffreddare in frigorifero, comprendo il tutto con una pellicola trasparente.

doctor-who-ricetta-3

Quando la crema si sarà finalmente raffreddata, potrete servirla insieme ai bastoncini di pesce, previamente cotti.

doctor-who-ricetta-4

Come promesso, vi presentiamo anche una versione salata della crema che dovrebbe accompagnare i fish fingers. Anche in questo caso la preparazione è piuttosto semplice. Versate in una ciotola un bicchiere di maionese, un pizzico di pepe e del sale, un cucchiaio di succo di limone, due cucchiai di mostarda normale e un cucchiaio di mostarda di Dijon. Mescolate bene il tutto fino ad ottenere una salsa omogenea.

doctor-who-ricetta-5
Share.

About Author

Cinefila e telefilm dipendente, ha promesso di trovare qualcosa da scrivere su di sé, ma è rallentata dalla sua tendenza alla procrastinazione. Dicono che sia figlia unica, ma ha un cane.

Comments are closed.