A tutti i fan incalliti di Scandal, attenzione: mancano solo nove puntate al finale di serie. Dopodiché, niente più fantapolitica, epici monologhi o Gladiatori in doppiopetto. Per molti sarà un sollievo, visto che la serie ha subito un calo drammatico rispetto alla promettente prima stagione, ma non si può fare a meno di sperare che queste ultime puntate ci regalino una piccola ripresa. Il nuovo episodio, intitolato “Robin”, sembra incoraggiante: la trasformazione della protagonista in un cattivo da film di 007, che è una delle cose che abbiamo gradito meno ultimamente, forse non è irreversibile. La morte di Quinn per mano di Rowan ha distrutto Olivia, che giustamente si sente in colpa. Ricorderete che Papà Pope aveva rapito la ragazza per riavere indietro le sue adorate ossa di dinosauro. Ciò che non è molto chiaro è come mai, vista la brutta fine di Quinn, lo scheletro di T-Rex venga effettivamente restituito: verrebbe da aspettarsi almeno un mese di castigo per Rowan, che invece è libero di andare in giro a bruciare automobili con dentro cadaveri di donne incinta.

Una volta ritrovato il corpo carbonizzato, i Gladiatori si stringono intorno a Charlie e preparano il funerale più assurdo della tv: le ceneri di Quinn verranno trasformate in proiettili. Sarà legale questa pratica funebre? Mah.

L’unico ad avere dubbi è Huck, che continua a indagare sulla scomparsa della sua amica e inizia a sospettare di Olivia. Si rivolge persino a Fitz, che gli dice di aver provato ad aiutare Liv, ma di essere stato respinto. I dubbi di Huck scompaiono quando la trova in ufficio ubriaca fradicia, con in testa il suo famoso cappello bianco (che non merita più), completamente devastata. Non riesce nemmeno a scrivere un elogio funebre dignitoso e al funerale finisce per dire qualcosa di commovente a casaccio, prima che le pallottole-Quinn vengano sparate nel terreno a turno dai Gladiatori, con tanto di vari flashback sulla defunta. Dopo la cerimonia, mentre Olivia si consola fra le braccia di Fitz e i Gladiatori si ubriacano, David si accorge che Charlie non è in grado di andare a casa: gli manca il coraggio di affrontare l’appartamento pieno di cose per il bambino. Con l’aiuto di Abby, David inizia quindi a smontare la culla che avrebbe dovuto accogliere il bebè e trova una chiavetta USB, probabilmente nascosta lì proprio da Quinn.

Intanto, Charlie si rivolge a Rowan chiedendogli di tornare a lavorare per lui, in modo da non pensare più alla sua vita con Quinn. Sorpresa: in casa di Papà Pope trova una neonata. È chiaro che deve trattarsi di Robin, la sua bambina: ma ciò significa che anche Quinn è ancora viva, o solo che ha partorito prima di essere uccisa? Potrebbe essere stata complice di Rowan nel suo piano per colpire Olivia? Questo colpo di scena può voler dire due cose: o che finalmente Olivia tornerà alla sanità mentale, o che non c’è più rimedio alla piega nonsense presa da Scandal da tre stagioni a questa parte. Incrociamo le dita e aspettiamo la prossima puntata.

PS: in tutto questo Cyrus è stato scaricato da Fenton, ma ci interessa? Non credo proprio.

Share.

About Author

Aspirante sceneggiatrice, ha una dipendenza da popcorn e non sa vivere senza una tastiera. Nel tempo libero pratica il binge-watching e si rende impopolare snobbando Sorrentino. Estimatrice di fantasy e sci-fi e appassionata di cinema d'animazione, è portatrice sana di sindrome di Peter Pan.

Leave A Reply