Sundance 2017: il pubblico applaude Mudbound, probabile candidato agli Oscar 2018

0

Tra marce per i diritti alle donne e la solita, rassicurante neve, il primo weekend a Park City si conclude con un’ovazione: è quella rivolta ieri sera dal pubblico del Sundance Film Festival al nuovo film di Dee Rees, regista afroamericana che torna alla più grande rassegna dedicata al cinema indipendente sei anni dopo Pariah (2011). Calorosissima accoglienza quindi per Mudbound, che al Sundance è stato presentato dalla Rees insieme agli attori Carey Mulligan, Garrett Hedlund, Mary J. Blige e Jason Mitchell, tutti acclamati dalla critica per le performance offerte.

Tratto dal romanzo Fiori nel Fango di Hillary Jordan, il film è ambientato nell’America rurale a cavallo del 1940: Laura Chappell, giovane insegnante di Memphis, lascia la città natale per seguire suo marito Henry McAllan in Mississippi e abitare con lui nella sua fattoria. La vita procede regolarmente ma al contrario delle aspettative, non è rosea come Laura aveva sperato. Troverà conforto soltanto nell’amicizia con Florence, donna di colore vittima di razzismo, e nell’amore ricambiato di Jamie, il fratello minore di Henry tornato a casa dopo la Seconda Guerra Mondiale.

C’è molto della mia storia personale in Mudbound – ha raccontato la regista – I miei nonni hanno combattuto tra le fila della Seconda Guerra Mondiale, e vedevo davanti a me l’immagine  di queste donne straordinarie che combattevano una guerra in casa con le stesse difficoltà dei mariti“. “È un film sulla ricerca della propria cittadinanza che parla dell’impossibilità di tornare a casa“. Per la portata delle tematiche trattate e per la violenza espressa da alcune scene, si è registrato un numero consistente di spettatori fuggiti via dalla sala durante la proiezione di ieri a Park City. Nonostante ciò, la critica è apparsa seriamente colpita dal film e la reazione positiva del pubblico lascia pensare che rivedremo Mudbound in corsa per i prossimi Oscar. E chissà se riuscirà a conquistare qualche premio anche qui al Sundance.

Fonte: Variety

Share.

About Author

Co-fondatore e caporedattore di Vertigo24, editor per Everyeye, Cinefilos.it e Lifestar. Studiosa di cinema, vivo con un piede negli anni Ottanta di John Hughes e uno nel mondo di Sofia Coppola. Registi preferiti? Richard Linklater, Noah Baumbach, Denis Villeneuve, Spike Jonze, Nicolas Winding Refn.

Leave A Reply